V. Inàne

Dannato
Demone immortale,
che giù per questa ripa
rovesciasti il tuo dolore
sì che sordo nulla
più si mosse;
Perché fingi la vita,
o Fiore immondo,
quando è così sublime
il tuo patire?

La morte è nulla,
il nulla vita,
che muove
ladra all’ombra
del tuo fatuo agire.
La vita è morte
e il nulla immenso,
divora la tua carne amara;
e intreccia nodi
antichi e falsi,
burattinaio assorto
innanzi al focolare.

V. Inàne ultima modifica: 2013-04-16T09:12:56+00:00 da Daniele Zappatore

---

Post Navigation