Archivio per tag: Ode A Valerio (perchè Proprio A Lui?)

Ode a Valerio (perchè proprio a lui?)

Ricordo il nostro primo incontro
il tuo volto scontroso e torvo,
sospetto e dal naso rostrato:
ricordo quando t’ho conosciuto.

In quella discoteca allogena
movevi con me dolce dama.
E noi, soli, muovevamo l’onor d’italiani amanti.
E fuori, da amici, parlavamo dell’amor tenuto.

E insolite sere avremmo trascorso
di prato parlando e similando su gradini
abbandonati al fiume di pensieri in corso.
Oggi ritorna il ricordo, mentre chiudo la valigia.

Poiché nulla s’abbandona in amicizia,
ma si cede, cercando di magliette
di maglietta smeralda ricordo il pegno
d’azzardo pagato a te: teco speravo che vincessi.

E tutta la poesia dei cipressi,
l’impegno dell’ape, del meriggio la pigrizia
forse mia varrà, Valé, nel cuore
il soleggiante albore, che da Nettuno mi colse