Archivio per tag: L’ascensore

L’ascensore (2/2)

Lei si avvicina e siamo un unico suono: se fosse amore la musica, sarebbe così facile amarsi. Vorrei amarti, sembra dirmi tra le note che vanno, vorrei amarti anch’io e anzi t’amo già, amore mio.

“Occhi di miele
dammi quel bacio
l’ho visto passare
mi ha mancato per poco.
Sarà che forse l’ho perso
inciampando in un verso
così incerto è il confine
tra il perdere e avere.

Occhi di miele
porta indietro le ore
ho sognato un tramonto
ripensarci e tornare.
Sarò certo più attento
a quel bacio e altri cento
così incerto è il confine
tra il sognare e l’amare.

Leggi tutto →

L’ascensore (1/2)

Mi hanno preso, porca puzzola! Immerso nei miei pensieri, inseguivo mille nuvole plananti verso il mare. Che bello il mare visto da quassù, sembra essere uno specchio del cielo e invece forse è solo un altro mistero.  Non li ho visti arrivare, è come se si fossero materializzati all’improvviso. Quattro colossi tutti interi ed una bocca enorme che urlava:
«Tutti fuori, all’Ascensore!»
Non riuscivo a credere che fosse vero, siamo sempre un po’ ottimisti quando tutto appare tragico. Ed anche adesso, in cammino verso l’Ascensore, sorrido dentro e non ci credo, sarà quest’anima nostra che rende tutto così comico. Oppure la mente che lascia il corpo a se stesso e si sente diversa, migliore della misera materia, della carne che in fondo disprezza, così mutevole e tanto deperibile. La mente, sostanza che non muta.
Sapevo però che mi avrebbero trovato, quassù non ci si può nascondere a lungo e laggiù, prima o poi, si torna sempre.
Siamo in tanti, c’è una piccola e dolcissima ragazza che mi guarda, due occhi grandi color del miele, chissà dove l’ho già vista. Magari l’ho incontrata Leonessa in qualche zoo: quanti ne ho girati, tanti, troppi e tutti così tristi e uguali.
Non l’ho detto? Ero Leone nell’ultima vita, accidenti a me e alla mia scelta infelice. L’idea era quella di vivere libero, in cima alla catena alimentare, senza temere nulla e nessuno. Se avessi solo immaginato o se qualcuno quassù mi avesse avvisato, non l’avrei certo scelto. E così arrivato al mondo in cattività, ho passato tutta la vita dietro le sbarre e addio sogni di libertà: non c’è più giustizia nemmeno quassù, porca puzzola!
Leggi tutto →