Con occhi di vecchiezza

Ah!! se potessi tornare indietro
in quei giorni
della mia amata gioventù,
quando spensierati pensieri prevalevano sui sensi.

Correggerei gli innumerevoli errori
inconsapevoli d’averli fatti.

Quanta tristezza provo
anche nel ricordar
come il corpo fosse
più giovane e bello.

Come tutto fosse più semplice essere amati ed amare,
essere desiderati e desiderare.

Assemblare i sogni con la realtà
e l’essere protagonisti di
una fantasiosa favola mentita
rubata senz’altro alla vita.

Ma poi arrivò la vecchiezza,
questa orrida vecchiezza
prese il sopravvento sogghignando su questo corpo e su
quest’anima.

Cerco di salvare
pezzi di cocci nell’estremità
è troppo faticoso è troppo duro
sa di coraggio e di libertà
ed io non ho più voglia.

Con occhi di vecchiezza ultima modifica: 2016-03-14T08:52:48+00:00 da Giulia Gabbia

---

Post Navigation