Archivio per Autore: Giulia Gabbia

La bontà del pane

Del pane tutto è buono
dalla crosta, alla mollica, al profumo,
anche le briciole hanno sapore
basta pazientemente raccoglierle
senza buttarle via.

Al tramonto

Scendono le prime ombre
ai crepuscoli dei confini
lasciando spazio al buio
che oscura salutando
l’ultima luce dell’astro.

Mi perdo
alla ricerca di segrete vie
nel vago sogno del domani
ma poi rimango senza luce,
come sipario cala la tristezza.

Mi contemplo
sul tempo e sulla  vita degli uomini
che per volere del grande Supremo
invecchia.

Leggi tutto →

Nei tuoi occhi

Non ti guardo negli occhi,
perché ogni volta che lo faccio
è come vestirmi di spine.

Temo le vertigini
e i fulcri degli spazi senza appoggi.

Temo le smaniose speranze
e la delusione.

Temo la fragilità dei pensieri
e la tentazione che svanisce.

Temo il buio oltre la siepe
e la notte scura.

Temo perdutamente di perdermi.

Indugio

Sciolgo
l’ombra
intasata di te
sto
nelle tue mani…
richiudo la finestra.

Non prima…

Vorrei poter morire
non prima  di averti abbracciato,
non prima di aver assaporato
il  profumo della tua palle,
non prima di aver accarezzato il tuo viso
e nemmeno prima di averti dato un bacio.

Vorrei poter morire tra le tue braccia
con il cuore colmo d’emozione

Chissà quante volte  l’hai desiderato