Archivio mensile: maggio 2017

Stai visitando gli archivi di Prosa e Poesia.

Appartenere a chi?

La vicinanza
è un bene
impossibile?

Nessuno
appartiene
a qualcosa,

nessuno
appartiene
a chi,

ma alla propria
coscienza
in libertà e dignità.

Leggi tutto →

Ritorna sempre la primavera

Dopo il sonno invernale
ritorna sempre la primavera.

Il caldo tepore del sole
rinnova ogni cosa
rinasce la vita
la natura si desta fiorisce la terra.

Passa e canta allegra la primavera
io passo e canto la vita è bella.

L’infinito dura un attimo

È questo il nostro amore
– campo rosso di papaveri –
profumo dolce amaro della solitudine.

Del blu, ronzio di lavanda,
la scarna bellezza di una carezza
negata… ai rumori delle strade
si sommano i pensieri;
maturano le ombre nel tramonto
come lente risposte di ieri.

Anche oggi l’infinito dura un attimo,
dell’amore e quel che resta
delle promesse, è nella lavatrice:
gira insieme alle fatiche di ieri

L’autoritratto

Tratto-tratto
mi disegno
Or son stella
Or gabbiano
Or sono qualcosa
un ricordo
Lontano
Turbato da
Addii
Sensazioni
Di
Follia
No!!

Sono sola
Non riconosco questo
ritratto.

Cancello
rimane dello sporco
tratto
la punta si spezza

Papà, fu vita (I più votati di Prosa e Poesia)

Ti travolse un’onda,
mentre i pensieri
si rincorrevano
affannosi
in quel ballo
di paura
che attanagliava
il tuo respiro,
tra la fanghiglia
del vorticoso
fiume Secchia.

Leggi tutto →