Archivio mensile: dicembre 2016

Stai visitando gli archivi di Prosa e Poesia.

Dicembre

Niente rende più bello
questo mese d’inverno.

Se non la venuta
del Santo bambinello,
che  giace beato nella grotta
tra il bue e l’asinello,
mentre nel cielo
un Angelo canta
“Osanna, osanna nell’alto dei cieli”.

A ritroso

Su un sentiero, a ritroso,
è comparso il miraggio:
un villaggio di tufo,
sperduto e perduto.

Là ho danzato su verdi distese
mentre il sole scaldava la terra
ed i rovi al mio passaggio
porgevano dolcissime more.

S’indovinava presenza di menta
tra le erbe dell’eden selvatico;
anche l’aroma del rosmarino
impregnava l’estate lontana.

Tutto sapeva di rustica fiaba,
tra vicoli antichi e sentore di mare
le donne modulavano nenie
scandendo col piede un ritmo di culle.

Leggi tutto →

Timidi soli

Lasciami alla mia vita
ora che viene Inverno
e cerco di scaldarmi il cuore.

Lasciami alla mia vita
fatta di sere vuote e chiacchiere sole,
non voglio accumulare ricordi
non voglio dettagli a innamorarmi.

Lasciami alla mia vita
ora che non è più triste l’ abbandono
E se mai ti rivedrò non avrò lacrime
Ma foglie caduche.

Lasciami alla mia vita
al mio giorno amato senza amore
al mio tempo sola
a difendermi dalla tua malata abitudine.

Lasciami alla mia vita
di  vento e di calma di piume e di pietre:
ho ancora mille ruscelli,
ho i miei timidi soli e infiniti abbracci.