Archivio mensile: febbraio 2016

Stai visitando gli archivi di Prosa e Poesia.

Il fine settimana al lago 1/2

Pioveva .
Venerdì pomeriggio, il primo fine settimana libero da anni e pioveva.
Di una fine pioggerella di marzo.
Quella che ti prende per il culo: tu decidi di mettere in valigia roba leggera? E allora piove …
Un maglioncino di cotone bianco, nuovo di pacca che lo vuoi inaugurare con lui, il jeans sottile a zampa, che col tacco starà  divinamente bene
Allora di sicuro piove.
Non la prendo la giacca pesante, ma davvero vuoi che piova anche al lago?
E poi la sottoveste rosa pesca… Assaporata e scelta con cura.
Quindi piove.
Una cospirazione assoluta e totale.
Chiudi questa cazzo di valigia. O la rifai cento volte.
Va beh , acchiappa un ombrello e basta. Al volo.
In ritardo supersonico.
Quindi traffico.. Per forza piove e tutti sembrano combattere con l’acqua alta a Venezia.
Che palle…
Poi arrivi al parcheggio e lo vedi: jeans sdruciti e vecchi come lui, occhiali da sole super fighi … Eppure piove
Eppure è bello , ti toglie il fiato.
Maglietta bianca, maniche lunghe tirate su che lasciano vedere il tatuaggio sul polso.
Un verso celtico di forza e beltà.
Dio, sei bello in un modo pazzesco.
Leggi tutto →

Mio amore

Ti scrivo…
immergendo la penna
nel rosso del cuore

confusa nel mio cielo
fra sospiri ed attese

sospesa
nel tuo sguardo
che candido ammalia

travolta  dalla passione
profumata
di desiderio

resto qui
in attesa del
tuo amore profuso

senza inibizioni

Angela Giordano

Traslucenze

Sorgenti eteree di energia
Riflessi dell’ineffabile
Superano l’ostacolo del fondo opaco e inerte
Si ricreano in un incessante divenire
Vana apparenza
Lasciano che si intraveda
Per un solo istante
L’essenza del reale

Luisa Di Tolla

Testa

Se fossi nella vostra testa
vedrei la verità,
dei vostri imprecisi pensieri
sotterfugi
pertugi
misteri.

Di sconsolata solitudine
di rabbia e invidia
di silenzio e incomprensione
di paura e visione.

 

 

 

Io non so scrivere poesie (I più votati di Prosa e Poesia)

Io non so scrivere poesie

Passeggeremo in campagna
ad osservare i declivi
illuminati all’imbrunire.

Saremo felici
e questi giorni
tristi
saranno lontani
come aquile
disperate
che cercano la morte.