Archivio mensile: agosto 2014

Stai visitando gli archivi di Prosa e Poesia.

L’ultimo viaggio

Sono un’anima in viaggio
che non sa darsi pace

Passo dopo passo
vago nel tempo,
in quel tempo
che scorre sempre lento.

La mia anima ormai è stanca
di questo lungo pellegrinare,
cerca un angolo per riposare
… finalmente trova la quiete

Ridi e piangi

Il tuo comportamento espressivo
scarica la tensione di riso e pianto
come simbolo di una mimica esistente,
una reazione emotiva,
che appartiene a te,
uomo!

Il metodo Montessori

Nel quartiere degradato del centro storico, a Firenze, tra Borgo Allegri, la piazza delle Rovine (bombardata durante la seconda guerra mondiale), alcune baracche di legno ospitavano l’asilo e le scuole elementari, sezione staccata della Scuola elementare Dante Alighieri, che aveva la sede all’ombra del Tribunale, vicino alla casa di Dante.
Baracche di legno, costruite in fretta e furia, per dare un’istruzione ai ragazzi delle famiglie del quartiere: ladri, prostitute, carcerati, ricettatori. Il metodo didattico prescelto: il metodo Montessori, ritenuto idoneo per sperimentare un nuovo modello educativo che poteva migliorare la situazione sociale degli alunni, o meglio delle alunne, in quanto era doverosamente una sezione femminile, a parte l’asilo che invece era misto.
I fiocchi di diverso colore. a seconda della classe di appartenenza. indicavano il livello di età, e facevano bella mostra sopra gli immacolati grembiulini bianchi. Le treccine, le code, le frangette, ordinate e ben pettinate si confacevano allo stile indicato dalla direzione che le maestre, con il tradizionale grembiule nero e colletto di pizzo, impartivano con serietà ma anche con affetto.
La paciosa Isolina Marchetti, mia insegnante per cinque anni, è quella a cui devo la mia cultura e il metodo di apprendimento, la costanza e l’impegno che ancora mi accompagnano dopo tanti anni. Il desiderio di rispettare tempi e scadenze, e di osservare regole e indicazioni. I quaderni a righe di prima, poi di seconda e di terza, le cornici e le greche sulle pagine corrette e ben ordinate, i voti con la matita rossa e blu che indicavano il risultato ottenuto. Il gesso che strideva sulla lavagna, i fiori nel vaso sulla cattedra, il silenzio durante le lezioni, i banchini sperimentali in formica e metallo, presentati in anteprima nel Museo della Scuola in Palazzo Gerini. L’edificio seicentesco, nobile e blasonato, ospitava la Biblioteca Pedagogica Nazionale e il Centro Didattico Nazionale di Studi e Documentazione (oggi ANSAS, www.indire.it). Anni storici per la storia della scuola e per le sperimentazioni in corso, per cui la collocazione di una scuola elementare accanto all’istituto ne faceva un perfetto insieme. Spesso le alunne venivano condotte nelle sale di Palazzo Gerini per provare banchi e sedie, per verificare lavagne, mappamondi, o per ascoltare brani di libri di testo o guardare illustrazioni di libri per bambini.
Leggi tutto →

La luce

La musica va
per le strade
dell’esistenza.

La mia anima
la segue
nei labirinti
della vita.

Leggi tutto →

Coraggio, scappiamo…

Ti par d’esser bambino
hai paura
quest’emozione primaria
t’angoscia.

Col nodo in gola
vivi la fuga
corri ma sei fermo
voli ma non t’alzi.

Scruti il cielo
t’aggrappi
a un’ovattata nube
che s’avvia.

Leggi tutto →