Archivio mensile: aprile 2014

Stai visitando gli archivi di Prosa e Poesia.

Accetta la vita

Accetta
la vita
com’è,
con quel tanto
di dolore
e di gioia
che essa
porta con sé.

Poi
esistono
gli eventi,
che portano
i cambiamenti,
la serenità
non è
impossibilità.

La luce del sole (M. A. Vaz da Silva Augusto)

Sei tu che illumini per primo la mia camera,
come un bacio sulla guancia irrompi all’aurora.
Scruti i miei desideri e non riesco ad immaginare
di trovare pace per le mie sofferenze di un tempo.
Lentamente tutto ciò si dovrebbe affievolire ..sono solo;
con la stessa amarezza che in me permane.
Ma se tornasse domani, non mi dispiacerebbe.
Spontaneamente desidero il suo ritorno … ritorna!
In fretta se ne nasconde la bellezza prorompente,
nella luce che cala e che scompare.
Questo sole che al tramonto è già svanito
e apre le porte alla notte oscura e profonda.
Rimane solo la speranza che domani ritorni,
e che venga nuovamente a svegliarmi teneramente
così che la nascita di un nuovo sole, succeda ancora.

M. A. Vaz da Silva Augusto
06.10.2013
(Copyright riservato)

Traduzione in Lingua Italiana di Rosetta Savelli

Leggi tutto →

Metempsicosis – La mia Vita

“Jack… Jack… Svegliati…”. Una soave voce lo svegliò. Jack vedeva in soggettiva senza percepire il proprio corpo.
Un immenso prato verde davanti, all’orizzonte un cielo violetto-rosa, con immensi pianeti pieni di crateri, immense lune di un pianeta strano e sconosciuto. Cominciò ad avanzare.
Una pace mai provata pervase il suo cuore, la sofferenza del distacco dal padre era un ricordo lontano; sentiva di essere dove doveva essere. La serenità, come sempre accade, dette modo a Jack di riordinare i pensieri.

(SILENZIO)

Sto pensando che forse tutto questo cammino a qualcosa è servito…
Come “STO PENSANDO”?!!
Che succede? Com’è possibile? Sento pace ma come si può?
Sono “IO” ora che mi muovo in questo prato verde, sono IO che ammiro questo paesaggio universale, sono IO, Jack!
Io non ho raccontato la storia di Jack, IO SONO JACK!
Ma come è possibile? A chi stavo raccontando? Parlavo con me stesso? Con qualcuno? Scrivevo? Leggevo? Inventavo? Sognavo? Forse sto sognando ancora, forse è tutto un sogno o forse è la mia Vita?
Tutto è avvolto in una sensazione piacevole, non ho timore di questa follia, è come se qualcuno mi proteggesse dallo shock.
Come un sistema di difesa naturale, endorfine in grande quantità, endorfine… Chissà dove sono e chissà cosa sono…
Se questa è stata la mia Vita, se io sono Jack, perché non ricordo niente adesso?
Leggi tutto →