Un altro mondo, il nostro!

E’ Soave,
un morbido velo
adombra come un trucco
il suo volto,
gli occhi neri
spaccano il giorno,
non vorrebbe apparire
ma è.

Una lunga veste
cela il suo corpo,
scivola giù
sino alle scattanti caviglie.

E’ con lei un par suo,
uomo impettito
dal viso scavato
dalle fatiche e dal sole,
asciutto e segaligno,
con barba folta e copricapo,
sciarpa del deserto
tonaca e sandali,
a guisa di frate.

Dal rassicurante portamento,
si guarda in giro,
sorride ai passanti.

Di lì a poco
incrocia un amico,
gli stringe la mano
l’abbraccia,
con calore lo bacia.

Assisto incuriosito,
rimango perplesso
poi capisco:
tale gestualità
emana l’amore
per l’umana gente,
è integrazione globale,
un altro mondo
il nostro!

Un altro mondo, il nostro! ultima modifica: 2014-05-12T09:00:37+00:00 da Sergio Camellini

Lascia un commento

Post Navigation