Archivio per tag: Poesia

Bendata

Guardo il cielo ad occhi chiusi
perché temo che qualcuno veda
la trasparenza dei miei sentimenti

Velati di malinconia

Sprofondi
nei suoi occhi
velati di malinconia,
vorresti
nel silenzio della notte
riempire
di contenuti

tutti gli spazi
d’amore.

Perché lei,
è la dolce fiaba
scritta
con la penna
del cielo;
è il vissuto reale
d’un sogno.

Sfumature d’amore

Apprende il cuore
che anche l’amore può morire
come il bocciolo bagnato di rugiada
che non vuole sfiorire.

Ma pur sapendo muore e ama
nell’attesa dei suoi passi
che arriveranno come musica.

Il cuore non ha rughe

Voglio ancora sentire
l’afrore delle alghe
mentre cascate di luce lunare
s’adagiano
sulla riva
come tisana deliziosa
sorseggiando salsedine
al tatto dell’ebbrezza.

Mentre i nostri occhi s’incontrano
nuovamente per amarsi
dimenticando i segni scavati dal tempo sulla pelle

…a danzare
il vento ci prese

Donna e farfalla

Vorrei abbandonarmi
tra le braccia
d’un sogno,

lasciarmi respirare
il profumo
del tuo essere,

nell’architettura
cromatica
d’autunno,

con l’armoniosa
melodia
d’una farfalla.

L’ultima stella

…E lentamente muore
alla rosa dell’alba
l’ultima stella
ai fianchi dell’opulento sole,
ove anime sopite si svegliano.

Indugia a seguire
le sue compagne
scappate al sollevato velo
per riapparire più splendenti
nelle notti dolci di primavera.

Rimasta or sola a danzare
tra il crepuscolo del cielo
come sipario che chiude
l’arco scenico,
lentamente essa si spegne.

La realtà, visione d’insieme

Rammenta,
non puoi rappresentare
la realtà

con una pennellata,

che colga solo
il particolare
del reale;

spingi lo sguardo oltre,

ricercala
in una concreta
visione d’insieme,

lì c’è.

Complicata geometria

Ho messo tegole sul tetto
in angoli precisi.

Uno sguardo furtivo
e il pensiero m’assale,
intanto la vita sfugge
poco a poco.

Silenziosamente

Lascerò domani.
allo spuntar del giorno,
i campi pallidi
freddi come cristalli
riscaldi dai nostri ghiaccianti peccati.

Vesti di speranza,
trasformano in miei lontani ricordi
facendo luce nell’ incertezza,
allontanando nelle vie più scure tutte le mie paure..

Dai miei occhi fuoriescono lacrime
di infinita tristezza,
nel vedere
un immenso prato di musiche e bellezze,
di fiori che emanano profumo di carezze.

Saranno gli occhi
della mia mente
a vedere gioiose visioni
che a poco a poco svaniranno
lasciando sulle labbra
il sorriso di nuove emozioni…

La dolcezza amara

Tu, evanescente
nel costrutto
della vita,
dov’eri?
Prima non c’eri,
ora sai d’essere
perché lei
è la linfa paziente
nel rammendare
il tuo cuore.

E’ la musa
che accarezza
l’anima,
è la dolcezza amara
d’un sentimento
prima non compreso,
è il turbinio
di quell’emozione
d’un quadro
tinteggiato d’amore.