Stralci da “O.D.E.S.S.A. L’ora della fuga” di A. Ferrini e S. Pizzuoli

Nei brani che seguono, un assaggio della spy story scritta a quattro mani ambientata alla fine del secondo conflitto mondiale, un periodo oscuro e storicamente poco indagato, quasi un romanzo storico per la miriade di elementi, divise, località, mezzi di locomozione, paesaggi e ambienti, che si collocano precisamente in quel tempo. Il protagonista è un ufficiale dell’esercito regolare tedesco, un uomo schivo, trascinato suo malgrado in un vortice di avventure e pericoli.

 

Il protagonista Leonard Walder e l’antagonista il colonnello Albert Baumann

Detto questo suonò il campanello, entrò subito un soldato che si mise sull’attenti.
– Chiama il tenente Walder.
Il tenente Walder era un uomo sulla trentina, alto e snello, lo sguardo ora guardingo e schivo, ora diretto e fermo.
– Tenente faccia caricare queste valigie sulla Mercedes e si tenga pronto a scortare il maggiore Kriegel.
– Ma colonnello, dovrei rientrare al mio reparto appena ultimato il trasporto dei documenti – intervenne prontamente il tenente, riluttante a sottomettersi a un ordine che sembrava non gradire.
– Non discuta, si metta immediatamente a disposizione del maggiore. Lo accompagnerà a destinazione, partirete il prima possibile. Domani prima dell’alba sarà di ritorno e potrà rientrare al suo reparto. Vada.
– Come ti dicevo – esordì il colonnello non appena l’ufficiale lasciò la stanza – è un personaggio che non mi piace affatto; è arrivato qua da soli tre giorni con i resti della sua compagnia che avrebbe dovuto resistere sul Reno. Ho pensato a lungo se fosse il caso di farti scortare da lui per la pericolosità e la delicatezza dell’incarico; è comunque sacrificabile!

 

Il nemico o l’antagonista

– Mi dica caporale.
– Ha telefonato la polizia di Lindau, hanno trovato due militari uccisi e una nostra macchina presso il molo a Wasserburg.
– Ah! – rispose Baumann fingendo sorpresa.
– Uno dei due cadaveri è un caporale – continuò – l’altro potrebbe essere quello del maggiore Kriegel.
– Come?! Perché potrebbe essere?
– Manca la piastrina perciò non è certo, ma la divisa sul cadavere porta i gradi di un maggiore.
Questa volta la sorpresa e lo sgomento erano evidenti nel tono del colonnello.
– Si occupi del recupero immediato delle salme, l’auto e il tutto…ma presto, prestissimo, occorre vederci chiaro in questa faccenda!
Quando il caporale fu uscito terribili presentimenti si accavallarono nella mente del colonnello. La rete che muoveva i primi passi era partita sotto i peggiori auspici. Se la notizia fosse stata
confermata, il danno era gravissimo.
Occorreva da subito predisporre un piano alternativo.
[…] avrebbe dovuto accelerare la sua partenza e non solo, anche l’itinerario avrebbe dovuto subire degli aggiustamenti. Avrebbe dovuto avvertire anche il capo dell’organizzazione, il generale Scrabb?
Agendo d’impulso aveva già impugnato la cornetta, ma se ne pentì quasi immediatamente.
No, era meglio di no. Tutto dipendeva ora da lui.

 

La situazione di partenza

Davanti alle scale d’ingresso del comando i sei cilindri della Mercedes nera 230 W153 bofonchiavano sommessamente; non era una macchina particolarmente potente con i suoi 55 cavalli né particolarmente veloce, raggiungeva a mala pena i 120 Km, ma era solida e spaziosa, proprio quello che serviva per percorrere strade disastrate dai continui bombardamenti.
Le due valigie e la sacca di pelle con gli effetti personali che Kriegel aveva raccolto in tutta fretta erano già nel portabagagli, l’autista al suo posto. Il tenente, dopo aver tenuta aperta la portiera posteriore per far salire il maggiore, si stava avviando a quella anteriore per prendere posto accanto all’autista quando Kriegel lo fermò con un perentorio ma benevolo – Che fa tenente? Venga dietro con me, ci faremo compagnia durante il viaggio!
Walder accettò con larvata riluttanza. Avrebbe preferito non viaggiare accanto a quell’ufficiale che era stato costretto ad accompagnare e che non gli ispirava alcuna fiducia né simpatia.
Avrebbe preferito il formale distacco dei gradi e del rango. Ma perché, si stava chiedendo, quell’ufficiale delle SS voleva spartire il sedile posteriore con un militare dell’esercito regolare?

 

Su Amazon in ebook e in cartaceo a questo link

Buona lettura!

Prosa e Poesia

Stralci da “O.D.E.S.S.A. L’ora della fuga” di A. Ferrini e S. Pizzuoli ultima modifica: 2016-01-23T08:32:51+00:00 da Prosa e poesia

---

Post Navigation