Ode alla luna

Tu,
faccia pallida
a disegno di bambino
a volte imbronciata
come da pensieri.

Tra i monti sali
Luna,
da dove sorge il sole
pronta al tuo lavoro
sul mondo
come una contadina al campo.

E ti abbandoni  placida
tra le braccia del cielo
nero,
che gode della tua luce di latte.

Luna
degli amori, quelli muti
delle vite, quelle assorte
dei cuori, quelli tristi.

E ti fermi,
immensa
e ci apri gli occhi.

Vale forse la pena d’esser uomini
Solo per poterti guardare.

Ode alla luna ultima modifica: 2016-09-22T08:50:31+00:00 da Rosita Ghidini

---

Post Navigation