Metempsicosis – Pausa (03)

Pamela stava nel mezzo: da un lato aveva ossessioni e fobie di ogni tipo per la vita che, inespressa, le pulsava dentro. Dall’altro sfociava nell’anaffettività verso gli altri: non conoscendo se stessa aveva timore di sé, di ciò che provava anche verso il figlio, aveva istinti (anche violenti) che, non elaborati, non le permettevano di dare amore stabile al povero Jack.

Un padre non cresciuto e sparito, una madre immersa nell’ansia e incapace di evolvere, un compagno trovato per dare una spalla a una donna incapace di ritrovarsi da sé.

Questo era il contesto che si rivelava a Jack durante il volo nell’immenso spazio. Cominciava a capire che non era riuscito a chiarire questi aspetti sulla Terra: tutta la vita era scorsa cercando di liberarsi dai sensi di colpa inflitti dalla madre e dal senso di smarrimento dovuto all’assenza del padre, sostituito da un fantoccio a cui mai si era abbandonato.

Capiva la sua incapacità di lasciare quel negozio di scarpe, capiva il suo rapporto infantile col mondo, fatto di gioco e deresponsabilizzazione; capì che l’oggetto di quella spasmodica ricerca era l’amore che non aveva mai avuto.

In questa nuova consapevolezza provò un senso di pena per i propri genitori che, non conoscendo se stessi, non avevano permesso neanche a lui di farlo. Jack capiva che stare al mondo senza accettare e vivere chi si è veramente è come errare in una nebbia di freddo, neve e forte vento alla ricerca di un rifugio che non solo non si trova ma non esiste.

Capì quanto sia facile fingere di stare bene e in equilibrio e quanto questo involucro lucente nasconda una mummia imbalsamata.

Se avesse capito tutto ciò mentre era ancora vivo, se mai avesse avuto modo di scolpire queste verità sui muri della strada della propria vita! Quanto ne avrebbe giovato! Ma il tempo era passato e ora questo attaccamento alla vita terrena scemava piano nella consapevolezza di dove si trovava.

Cominciò ad avvicinarsi al centro della galassia, un tempo e uno spazio che nella fisica umana sarebbe stato di migliaia di anni luce. Fu come attraversare una folla di persone verso la biglietteria: evitando i pianeti giunse al buco nero che tutto smaterializza e che nessuno sa dove conduca (i famosi cunicoli spazio-temporali ipotizzati da Stephen Hawking o solo una fantastica rappresentazione onirica di conoscenze umane riadattate al contesto dell’oltre-vita?).

Qualunque cosa stesse per accadere avvertiva l’inevitabilità e con la velocità dell’acqua che scorre nel lavandino scivolò nel vortice del buco nero, superò l’orizzonte degli eventi e svanì dove nessuno era mai stato.

Metempsicosis – Pausa (03) ultima modifica: 2014-01-07T09:19:25+00:00 da Michele Ermini

Comments are closed.

Post Navigation