Archivio per Autore: Sergio Camellini

Velato di malinconia

Il tuo pensiero
fu velato
di malinconia,
poiché
quel giorno
il suo dolce viso
venne dipinto
da un sorriso;
era il tempo
delle mele,

a lume
di candele
dell’acerba età,
non decodificasti
appieno
la sua solarità,
eri sulla soglia
dell’amore,
con trepido
pudore.

Sleghiamo la mente

Vorremmo
esser fratelli,
siamo unici
anche se gemelli;

non confondiamo
Caino con Abele,
il ricco
col signore,

l’autoritario
con l’autorevole,
il potente
col prepotente;

siamo protagonisti
coi sentimenti,
sleghiamo la mente,
tocchiamo l’anima

a chi non sente.

Ricerchi la bontà

Sfogli il giornale
e t’accorgi che è intessuto
di calamità, di orrori, di dolori,
d’infelicità;
guardi in modo
più approfondito,
per ricercare
un messaggio di bontà.

Allora,

leggi tra le righe
di bontà gastronomica…
non tanto economica;
ti stropicci gli occhi e pensi:
la fame nel mondo
prima o poi scomparirà?
C’è pur fame di dignità,
nella pagina successiva!

Un gesto gentile (I più votati di Prosa e Poesia)

Un gesto gentile
è la miglior
carezza
è un atto semplice
che dà certezza;

emana calore
calma l’aggressività
favorisce il noi
è un concentrato
di felicità;

non ne parlano
i giornali
perché costa poco
e vale molto
come il tuo volto.

Una rosa bianca

Col suo sguardo
t’ha inondato
il cuore,
t’ha mozzato
il fiato,
t’ha offuscato
con eleganza
la mente;
quella rosa bianca
è lei.

T’ha creato
un’intensa pulsione
emozionale,
eppure,
stai ancora
pensando
se sia
davvero amore:
sì, lo è.