Archivio per Autore: Marco Profeti

Il venditore di orologi 2/2 (I più votati di Prosa e Poesia)

L’ometto ebbe un momento di sbandamento, capendo di essersi lasciato scappare una frase di troppo, poi riprese con coraggio: “Essì, il becchino! sono orologi di persone alle quali non servano più! Non c’è niente di male in fondo! Non è poi così grave!, ancora confuso non riuscivo a capacitarmi: “togliete gli orologi ai morti! ai morti!!, spero sia uno scherzo!” non sapevo se andare via di corsa o cercare di capirne di più, talmente assurda mi sembrava la situazione.

A sua volta Giuseppe sembrava parlare più a se stesso che a me:”…lui li compone nella bara, ma prima di chiuderla veramente…i parenti non se ne accorgano e poi ci sono gli incidenti…nessuno stà a controllare… tutti quei bei orologi…. sarebbe un peccato…..”, poi guardandomi “al morto l’orologio non serve! e se dopo la morte non c’è niente a maggior ragione e se invece c’è l’aldilà , chi è di la non vuole certo sapere che ore sono!, allora dov’è lo scandalo! A chi si fa del male!”.

Non sapevo cosa rispondere, balbettai “…è una cosa brutta ….”, “è una cosa brutta seppellire i morti con l’orologio! Con il fatto che ci sono affezionati! Si dovrebbero vergognare i parenti!, noi rimediamo, e poi…”, e qui l’ometto mi si avvicinò all’orecchio sussurrando suademente..:”pensi… a tutte quelle casse a vite, ai bilancieri, ai rubini, le viti senza fine e la sincronicità perfetta, capolavori della meccanica e dell’artigianato buttati, sepolti…”. Poi fece un passo indietro e con un mezzo sorriso mi fissò pensando di avermi portato dalla sua parte, io ero in silenzio non sapevo che dire..
Sbottai: “io non li voglio! Grazie!” e mi allontanai di corsa; da dietro sentivo l’omino che gridava:” lei non ama gli orologi!, ipocrita!, ipocritaa!.

Il venditore di orologi 1/2 (I più votati di Prosa e Poesia)

Ero già sulla strada del ritorno, quando camminando sul marciapiede mi sentii chiamare: “scusi!…scusi!”, un uomo basso e un po’ trasandato sulla sessantina mi fissava sorridendo, aveva gli occhiali da vista calati sul naso e un notevole riporto, un po’ imbizzarrito dal vento: “buongiorno mi presento! Mi chiamo Giuseppe e ho delle ottime occasioni per lei!.

Leggi tutto →

Il venditore di orologi – 2/2

L’ometto ebbe un momento di sbandamento, capendo di essersi lasciato scappare una frase di troppo, poi riprese con coraggio: “Essì, il becchino! sono orologi di persone alle quali non servano più! Non c’è niente di male in fondo! Non è poi così grave!, ancora confuso non riuscivo a capacitarmi: “togliete gli orologi ai morti! ai morti!!, spero sia uno scherzo!” non sapevo se andare via di corsa o cercare di capirne di più, talmente assurda mi sembrava la situazione.

A sua volta Giuseppe sembrava parlare più a se stesso che a me:”…lui li compone nella bara, ma prima di chiuderla veramente…i parenti non se ne accorgano e poi ci sono gli incidenti…nessuno stà a controllare… tutti quei bei orologi…. sarebbe un peccato…..”, poi guardandomi “al morto l’orologio non serve! e se dopo la morte non c’è niente a maggior ragione e se invece c’è l’aldilà , chi è di la non vuole certo sapere che ore sono!, allora dov’è lo scandalo! A chi si fa del male!”.

Non sapevo cosa rispondere, balbettai “…è una cosa brutta ….”, “è una cosa brutta seppellire i morti con l’orologio! Con il fatto che ci sono affezionati! Si dovrebbero vergognare i parenti!, noi rimediamo, e poi…”, e qui l’ometto mi si avvicinò all’orecchio sussurrando suademente..:”pensi… a tutte quelle casse a vite, ai bilancieri, ai rubini, le viti senza fine e la sincronicità perfetta, capolavori della meccanica e dell’artigianato buttati, sepolti…”. Poi fece un passo indietro e con un mezzo sorriso mi fissò pensando di avermi portato dalla sua parte, io ero in silenzio non sapevo che dire..
Sbottai: “io non li voglio! Grazie!” e mi allontanai di corsa; da dietro sentivo l’omino che gridava:” lei non ama gli orologi!, ipocrita!, ipocritaa!.

Il venditore di orologi 1/2

Ero già sulla strada del ritorno, quando camminando sul marciapiede mi sentii chiamare: “scusi!…scusi!”, un uomo basso e un po’ trasandato sulla sessantina mi fissava sorridendo, aveva gli occhiali da vista calati sul naso e un notevole riporto, un po’ imbizzarrito dal vento: “buongiorno mi presento! Mi chiamo Giuseppe e ho delle ottime occasioni per lei!.

Leggi tutto →

08/04/00

Con la mente ho eretto barriere di carta,
di malinconia, nostalgia, rabbia ed orgoglio;

ora vacillano alla prima tiepida brezza
di un mondo nuovo. Leggi tutto →

21/05/00

Ormai, aspettava la fine di tutto;

aveva chiuso ogni spiraglio, Leggi tutto →