All’osteria, avanti un altro! (I più votati di Prosa e Poesia)

Oste,
nella vetusta penombra
dell’osteria,
consumi le tue notti:
avanti un altro!

Volendo l’oblio
degli assenti pensieri,
un uomo intabarrato
con viso rubicondo,
sigaro fra i denti,
bicchiere in mano tremante,
grida alcol!

Tu compiacente
mesci.

Esso, tracanna tutto d’un botto,
esce gesticolando,
cerca l’invisibile meta,
su gambe molli
s’accascia.

Oste, non dire più:
avanti un altro!

All’osteria, avanti un altro! (I più votati di Prosa e Poesia) ultima modifica: 2015-10-21T08:16:51+00:00 da Sergio Camellini

---

Post Navigation