Ad un Angelo

Un sogno
tinteggiato d’azzurro
ti portò a librare
con ali d’Angelo,
su nubi spongiose
intrise d’acqua,
che cogliesti
nel mastello smaltato
di nonna Filomena.

Le nuvole
si sbizzarrirono
in danze ora lente
ora più frenetiche,
volteggiarono,
si scontrarono,
ne uscì grandine
dai chicchi minacciosi,
che sfregiò gli agognati raccolti.

All’improvviso,
fece capolino l’iride
che dipinse il cielo
di soavi colori,
trasformando il broncio del dì
in preziosa opera d’arte
dalle incantevoli sfumature;
tu continuasti a volare,
lassù.

Ad un Angelo ultima modifica: 2014-11-24T09:06:43+00:00 da Sergio Camellini

---

Post Navigation