Archivio mensile: gennaio 2017

Stai visitando gli archivi di Prosa e Poesia.

Perché non ho le ali?

Vivo
in un grande
Paese
dalle molteplici
meraviglie
storiche
e naturali
senza chiedermi:

“Perché non ho
le ali?”

Dal momento che
bene o male
vorrei partire
e sono sempre
fermo
al chilometro
zero
senza un divenire?

Un cuore che ha amato tanto

Se ne andato via
senza nemmeno
dire un addio.

Via
da ogni respiro
da ogni battito
dai infiniti sogni.

Mi amava
Mi amava tanto
questo è tutto…

Ora il tutto
non conta più niente.

Dipingerò la luna…

Ardo dal desiderio
di dipingere
la luna nel profumo
della brezza del mare,
nei ricordi
nei sogni segreti
rubati alla nebbia

Dipingerei colei
così tanto bella,
tanto splendente,
tanto amata
su tela
per morire lentamente
sotto il suo sguardo.

Il dono più grande

Umile volontaria che
vesti di sole e di foglia
indugiano i tuoi pensieri di viola
e poi s’aprono al vento.

Voli pindarici
del più sublime Amore
e discese plananti
nel fiume della vita.

Porgi la tua mano graziosa
e sollevi da terra
una stella sperduta
sofferente e ignuda.

Un abbraccio fraterno di talco
un sorriso di luce
restituiscono
alla smarrita stella,
il grembo dell’anima.

Un ultimo sospiro (I più votati di Prosa e Poesia)

Un ultimo
sospiro
di vita
s’infrange
sugli scogli.

La nebbia batte
fatale
alle nostre tempie.

Mi sembra
di non avere più
voglia di vivere
e non ho più parole
per dirmelo.

Noi pure siamo
come i dannati a morte,
noi pure siamo
come foglie cadenti a settembre.

La prima rugiada d’autunno
racconta
il sospiro
morente
del condannato.

Il cupo inverno
è la sua anima.
Ma non ha più voglia
né parole
per dircelo.

Un cuore accogliente

Nel cuore
accogliente
d’un genitore
c’è tantissimo
spazio,

più di quanto
un figlio
possa
nel tempo
immaginare,

poiché
non è mai
saturo d’amore
pur se le spine
tracciano dolore.