Archivio mensile: gennaio 2015

Stai visitando gli archivi di Prosa e Poesia.

Non vi è nel mio cuore

Non vi è nel mio cuore emozione più forte nel sentirvi.
Ogni volta che vi leggo è un passato che torna.
Parliamo, cerchiamo e scopriamo le nostre radici, i nostri avi, il nostro passato.
No non è la curiosità che parla, è il sangue che urla, le radici che fremono
gli avi che gridano di gioia, felici din un incontro a cui la storia mai
avrebbe creduto.

….a John Digiovanni ed Anthony Brach

Alexander Louis Woking

La nostra porzione di mondo

Troppo spesso
cadi
nell’eccesso
di confondere
il ricco
col signore
il potente
col prepotente;
rammenta
che il successo
e lo star bene
auspicabili
a qualsivoglia
persona
devono coesistere
con l’esser
utili e necessari
alla nostra
porzione di mondo:
ecco il signore.

Amerigo Vespucci tra i visacci (I più votati di Prosa e Poesia)

Borgo degli Albizi porta il nome e conserva palazzi appartenuti a questa antica famiglia. Tra i tanti uno è conosciuto come “palazzo dei visacci” così soprannominato dal popolo fiorentino.
La lunga storia del palazzo annovera vari proprietari a partire da Rinaldo degli Albizi fino a Giovanni Altoviti; a Baccio Valori, esponente dell’Accademia del Disegno e bibliotecario della Laurenziana si devono, nel tardo Cinquecento, una serie di ampliamenti e rifacimenti con il probabile apporto di Giovanni Caccini cui si attribuiscono le quindici erme di “uomini scienziati”che ornano la facciata e alle quali si deve il nomignolo.

Leggi tutto →

Olocausto: filo spinato nel cuore

Ascoltami:
il filo spinato
nel cuore
provoca dolore,
hai travisato
la storia,
hai annientato
le menti,
hai martoriato
il soma
alle genti.

Leggi tutto →

A Colori

Siamo convinti che il mondo sarebbe più triste se non fosse a colori. Ma, c’è un ma.
Non tutte le città hanno gli stessi colori, alcune sono grigie, altre bianche, altre ancora bianche e grigie con qualche macchia rossa in mezzo al verde; ci sono città blu, quelle vicine al mare che le abbraccia e le circonda, città rosso mattone e città verde bosco. È raro vedere città coloratissime o addirittura schizzate, nel senso che una follia di colori le inonda. Eppure io l’ho vista e ne sono fuggito perché mi avevano accolto quasi urlandomi in faccia tutta la loro coloratura. Gli abitanti mi hanno raccontato che ciascun colore voleva avere più spazio dell’altro, tanto che se sulla facciata delle case, lo spazio conquistato era risicato, quel colore aveva lottato per ottenerne uno molto più ampio magari un metro più in basso.
Leggi tutto →

Languore

Oggi il sole con più veemenza proietta i suoi raggi,
come dardi spioventi da torbidi inferni.

Eppure
teco mi ritrovo su un giaciglio di luce,
appena mitizzato da furtive e sottili ombre.

La tua pelle, già nivea al candore della luna,
or più pallida mi appare allo sguardo;
come se il tuo corpo, ricevendo quel candido abbraccio,
mutasse il suo colore, abbandonandosi ad un tiepido languore.

Davide Cautiero

I doppi sensi

La pubblicità
dei doppi sensi
di per sé
cattura all’istante
come mezzo
di comunicazione
pregnante;
prevale
sui pensieri
sui concetti
quando meno
te l’aspetti;
armoniosa
seducente
o cruda
fa leva
sui sentimenti;
poi,
la vedi
la rivedi
la senti!

È di pietra il silenzio (I più votati di Prosa e Poesia)

È di pietra il silenzio
una bianca distesa
senza punti né virgole
superata la soglia
si chiude alle spalle
una parentesi muta.

Turbinio di emozioni

Quando
la luce del sole
forò
la grossa quercia,
quando
l’uomo forte
divenne lacrime,
quando
i ricordi confusero
il cervello,
quando
il sorriso fu
batticuore,
quando
la gioia si trasformò
in dolore,
quando
il turbinio di emozioni
si mascherò d’angoscia,
era soltanto amore.

A Pozland

Si arriva con gli ascensori, non puoi sbagliare: un muro altissimo ti sbarra la strada. Sul muro poi riconosci che qualcosa si muove; sono dei gabbiotti che salgono in alto, per tutta l’altezza del muro e si dispongono uno dietro l’altro, come i taxi sotto le pensiline delle stazioni ferroviarie o degli aeroporti. Se il muro è vuoto, significa che i gabbiotti sono tutti occupati e occorre attendere. Ma questo accade assai di rado.
Quando ci si avvicina al muro il primo gabbiotto disponibile scende, si apre e ti lascia entrare. Non devi avere fretta, perché il gabbiotto aspetta.
Entrato nel gabbiotto comincia la discesa verso Pozland.
Il viaggio è tutto al buio ma quando la città si avvicina, lo capisci dal riverbero delle luci che si fanno via via più abbaglianti.
Leggi tutto →