Archivio mensile: novembre 2012

Stai visitando gli archivi di Prosa e Poesia.

Piccione

Seduto su una panchina
sotto un sole primaverile
la pioggia
che da giorni era caduta
aveva regalato
a lui esile piccione
dal beccuccio delicato
ma reso potente da una natura senza fine
un piccolo laghetto per il suo ristoro.

Leggi tutto →

Nei tuoi occhi un vuoto d’amore

Nei tuoi occhi un vuoto d’amore.
Per chi? Quale mancanza?
E’ per me quella tenera assenza?

Metempsicosis – 04 – Pausa

Portatelo via il corpo è già freddo
portatelo via, via da qui

Sono vivo non sentite che sono vivo
sento voci ma non capite sono ancora qua
Liberatemi liberatemi ecco che…
Libero

Polaris

In cielo dorme irrequieto il Carro,
da Vega a Thuban,
la stella polare adesso
brilla di un colore
bizzarro
ammirarla nel nero d’abisso.

Leggi tutto →

PV – Magra consolazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://www.unavignettadipv.it

Pelle nera

Una pelle nera
segno di razza, costume, origini
ma soprattutto usanze proprie
che guardando dal finestrino di un treno
butta via i suoi pensieri
mischiandoli come coriandoli
con i colori della vita

Mentre attimi di essa
scorrono su delle rotaie
che da anni fissate
si rivedono sempre in maniera diversa

Leggi tutto →

La tua luce si nega, mostrandosi

La tua luce si nega, mostrandosi.

Mio unico orizzonte, sei il perpetuo sottrarsi
del desiderio. Meglio chiudere gli occhi
e sparire, perché è follia
questo cadere incessante nell’impossibile,
no e ancora no
ripetuto e sconfesso
costante precipitare.

Metempsicosis – 03 – A morte!

Svegliati! Svegliati!

Io non so che cosa vuoi dove sono adesso io
Condannato a morte sei la tua ora è giunta ormai
Ero filo d’erba che si era spento al buio e poi
Cosa dici pazzo sei tanto non ci sarà un poi

Muoviti! Muoviti!

Tutti aspettano le sei ora in cui tu morirai
sedia elettrica per chi ha stuprato la poesia
Io non so chi sono sai sembra un incubo oramai
un patibolo per chi in realtà non è già qui

Siediti! Siediti!

E’ giunto il momento tra un po’ sarò spento
da elettrica luce di un dio incapace

Dio onnipotente (?)

E’ l’esser dei miracoli
e segreti
il signore supremo
del mistero
ci giudica
per com’è che siamo:
irrequieti.

Leggi tutto →