Archivio mensile: settembre 2012

Stai visitando gli archivi di Prosa e Poesia.

PREMIAZIONE DEL CONCORSO!

Ci siamo! Sono passati circa tre mesi dalla premiazione di Pietro Vanessi che con la sua vignetta “Sassi” ha raccolto 100 “Mi piace” in brevissimo tempo.

Un fenomeno di questo tipo non si è più verificato  Forse perché una vignetta è più diretta mentre una poesia o un saggio richiedono uno sforzo maggiore per esprimere un parere. O forse perché quando si “giudica” un’opera letteraria si diventa sempre più “severi”.

Tra qualche riga vi sveleremo il nome della persona che ha vinto il concorso Prosaepoesia. Però prima volevamo spendere due parole sull’esperienza che stiamo vivendo.

Leggi tutto →

L’uomo uccide l’uomo

Ore 6 : adunata

Altro giorno sotto un cielo color grigio piombo
dove anche le nuvole lacrimavano libertà mancata
in un eco sordo e assillante
di frasi , parole e preghiere polacche
suppliziate e martoriate intorno ad un nulla

Leggi tutto →

Ancora una volta

Ancora una volta
in preghiera contro le tue
mani chiuse. Nessuna carezza
in questo volto in esilio
nessuna pace, né clemenza
per le mie involontarie vite
in assenza di te. E’ un’orfica
erranza, una prece, voce di secoli
per difetto d’amore
si decompone.  Se del tuo corpo
niente rimane allora sia strame
il tempo che resta.

Oblio re

Crescendo in me
Si evolve
Non si dissolve
Mai troppo nel nulla Leggi tutto →

Cimitero

Cimitero buio,
notte cadaverica,
il silenzio divora tutto il resto.

Leggi tutto →

Per gioco non ho più riso

Per gioco non ho più riso
per te non ho più pianto

tra milioni di risate
riconosco la tua voce

le lacrime…  quelle
sono andate perse
nel mare della malinconia

Tonino Castiglione

Destinazione

L’ amore per il prossimo
s’è andato

Gelo nel cuore s’è racchiuso

Il buio
la nostra prossima destinazione.

Mio giogo

Mio giogo, mio libero
esilio, mia vita.

Sei rimasto in un altro
giardino, un dissimile luogo
tra noi di smemorate presenze
e mi guardi da quella muta
distanza, laconico istante,
cuore di inesorabile grazia,
mia ferita.

Un senso fedele

Ora che sai schivare ogni silenzio in quello che fai
ad ogni idea da porre al centro stesso di quello che sei
no, io non resisto più a concentrare la forza che ho Leggi tutto →

Tramonto

Ed ecco la fine
di questo tramonto,
aspettando il riaffiorare di una notte
senza luna,
senza equilibrio
e senza
il calore di un tempo,
Leggi tutto →