Strada

Cammino lungo la tua
strada,
mi fermo e
respiro la tua pace
mi culli dolcemente.

Un soffio di vento
Mi regala grida di gioia.

        xxxx

Cammino lungo la tua
Strada,
sempre più vicina
alla mia meta.

Eccoti la ferma,
silenziosa
ma un grido giocoso
tra le tue limpide acque
mi rapisce
come un cigno selvatico.

Mi sento viva e
sorrido alla vita.

Bendata

Guardo il cielo ad occhi chiusi
perché temo che qualcuno veda
la trasparenza dei miei sentimenti

Velati di malinconia

Sprofondi
nei suoi occhi
velati di malinconia,
vorresti
nel silenzio della notte
riempire
di contenuti

tutti gli spazi
d’amore.

Perché lei,
è la dolce fiaba
scritta
con la penna
del cielo;
è il vissuto reale
d’un sogno.

Dei trionfi e delle vittorie 2/2 (I più votati di Prosa e Poesia)

Poi, un giorno, improvvisamente, prima dell’annientamento totale e letale, qualcosa si muove, qualcosa si risveglia, si riaccende, si illumina, si riscalda. E quell’impercettibile moto e cambiamento è in grado di imprimere movimento e mutamento a tutto il sistema, a tutto il resto di quell’agglomerato umano che un tempo era un essere vivente, che un tempo era una donna, un uomo, giovane o vecchio, bello o brutto, ma era umano nel sentire e nell’agire, prima della bruciante sconfitta.
Lentamente, molto lentamente, quasi in modo impercettibile, il corpo si rianima e riacquista vigore, le membra si rinsaldano e i muscoli si tonificano, con essi la mente rinvigorisce, rigenerando i propri pensieri. L’anima si monda, il cuore si fortifica e con esso le passioni, le pulsioni, i desideri si ridestano e si affacciano a nuova vita.
Tale processo rinnova anche le ambizioni, gli obiettivi, le mete di un tempo o attuali, insieme alla voglia di realizzarli. Così, in breve, il nostro lui, la nostra lei si accinge ad allenarsi, ad impegnarsi, a cimentarsi per realizzare quel sogno, quel progetto, per raggiungere quel traguardo. Non si risparmia fatiche e non centellina energie lui e neppure lei. Si dà con tutto se stesso, lui come pure lei. Si nutre della propria determinazione sia lei sia lui. Si rinvigorisce grazie a essa. Si fortifica e conquista se stesso, non solo lei ma anche lui. E trasforma la sconfitta del tempo che fu, l’avvilente e invalidante perdita, nel suo punto di forza, nella sua grinta, nella sua linfa vitale, comprendendola a fondo, conoscendone le cause, le forme, i tempi e i rimedi, i segreti. E si rialza, immettendosi nuovamente nel circuito della vita, in cerca della propria vittoria, della propria rinascita. Si allena come un atleta, come un maratoneta, come un discobolo. Si cosparge il corpo con olii e unguenti, invoca e offre sacrifici agli Dei, si purifica nel corpo e nell’animo. Si prepara metodicamente, a lungo, finché giunge il momento in cui è e si sente pronto.
Quando viene, dunque, l’agognato giorno della prova, del torneo, della gara, della sfida, dell’esame, dell’audizione, del provino, del colloquio, dell’esibizione, della presentazione del progetto, della lezione, della vendita, dell’incasso, de… de… de … non ci sono dubbi, gli altri contendenti non hanno scampo, non hanno chances: lei o lui sarà vincitore. La gara sarà sua, se la aggiudicherà lei oppure lui, a seconda del genere cui egli appartiene, ma sarà sua ed egli o ella troverà finalmente riscatto dalla lacerante sconfitta di un tempo.

Salirà finalmente sul podio, lui o lei. La folla, tutta, sarà con lei, con lui. La gioia, l’entusiasmo, la vitalità lo, la pervaderanno tutto, tutta. Il trionfo sarà Suo.

La folla invocherà il nome del vincitore. Tutto sarà per lui: la gente, la gloria e la fama, il tempo, il sole, le ore e pure il vento, che scarmiglierà i capelli e rinfrescherà i pensieri.

All’ombra di quel podio qualcuno penerà, si dispererà, si ripiegherà su se stesso, si dibatterà, giacerà, se ne andrà perdente, in quel frangente vinto.
Che ne sarà di colui, di colei, che non sarà sul podio, ma giacerà ai suoi piedi sconfitto e deluso?

Arrancherà, annasperà, tremerà, rantolerà, striscerà, gemerà, fremerà, urlerà, piangerà, griderà, latrerà, non si reggerà in piedi e non vivrà, fino a quando una impercettibile luce si accenderà e illuminerà il fango dei suoi pensieri e l’evanescenza dei suoi voleri ed egli o ella si metterà carponi, per poi ergersi in piedi, ricominciare a deambulare, a vivere e sognare di salire su un monte, su una stella, su un’astronave o chissà su quale altro podio cercherà… e ce la farà, per lasciare all’ombra del proprio trionfo il nuovo venuto, fragile sprovveduto con un destino da conquistare ed edificare.

 

Flavia Todisco

Sfumature d’amore

Apprende il cuore
che anche l’amore può morire
come il bocciolo bagnato di rugiada
che non vuole sfiorire.

Ma pur sapendo muore e ama
nell’attesa dei suoi passi
che arriveranno come musica.

Morte

Tutti mi temono
Il mio solo nome fa paura,
ogni giorno prendo uno di voi
tra le mie braccia.

Mi odiate lo so…

Eppure io sono colei che
vi accompagna verso il vostro,
ultimo viaggio.

Io sono colei che
raccoglie le vostre
ultime lacrime.

Io sono colei che
vi abbraccia per non farvi
soffrire.

Io sono colei che
raccoglie nell’ultimo istante
i vostri ricordi di una vita.

Ed eccomi qua
ancora una volta
a prendere uno di voi
tra le mie braccia
vi sorrido e
voi mi temete
perché io son colei
che porta via la vita…

Il cuore non ha rughe

Voglio ancora sentire
l’afrore delle alghe
mentre cascate di luce lunare
s’adagiano
sulla riva
come tisana deliziosa
sorseggiando salsedine
al tatto dell’ebbrezza.

Mentre i nostri occhi s’incontrano
nuovamente per amarsi
dimenticando i segni scavati dal tempo sulla pelle

…a danzare
il vento ci prese

Donna e farfalla

Vorrei abbandonarmi
tra le braccia
d’un sogno,

lasciarmi respirare
il profumo
del tuo essere,

nell’architettura
cromatica
d’autunno,

con l’armoniosa
melodia
d’una farfalla.

Dei trionfi e delle vittorie 1/2 (I più votati di Prosa e Poesia)

Un podio. Su quel podio qualcuno trionfa. Gioisce e festeggia. E’ osannato e celebrato dalla folla, dalla giuria, da parenti e amici: da tutti, insomma. All’ombra di quel podio qualcuno pena, si dispera, si ripiega su se stesso, si dibatte, giace, se ne va perdente; in quel frangente vinto.
La folla invoca il nome del vincitore. Tutto è per lui: la gente, la gloria e la fama, il tempo, il sole, le ore e pure il vento, che scarmiglia i capelli e rinfresca i pensieri.

Fermo immagine.
Messa a fuoco.

Una domanda: Che ne sarà di colui o colei che non è salito o salita sul podio, ma se ne giace ai suoi piedi sconfitto e deluso?
Chissà che ne sarà di lei, di lui.

Arranca, annaspa, geme, freme, trema, rantola, striscia, urla, piange, grida, latra, guaisce…Non si regge in piedi, non cammina, passa rasente ai muri, una morsa forte e stretta allo stomaco non gli dà pace. Non sa dove guardare, non sa che cosa fare. Nell’animo un dolore atroce lo porta a nefasti pensieri, a infelici propositi, non vuole più combattere, non vuole più gioire, non vuole più guardare la propria immagine riflessa in uno specchio, non vuole più gareggiare, non crede più in nulla, non crede più nel proprio talento, nel proprio impegno… vuole soltanto scordare, persino il suo nome.  Si vuole annientare.

Il tempo in cui lui o lei giace in simile stato è una variabile umana, molto umana, può durare giorni, settimane, mesi o, nei casi più estremi e drammatici, tutta la vita che resta.
Il tempo dell’afflizione è oscuro, opaco, ha un suono sordo e muto, un sapore acre e rivoltante. E’ un salto in uno strapiombo. E’ uno strisciare nel fango, nella melma, nel magma dentro le viscere della terra. E’ non-vivere, è non-sentire, è non-interagire con il resto del mondo, è non-nutrirsi e pascersi, è annientarsi. Finire. Svanire.

Flavia Todisco

L’ultima stella

…E lentamente muore
alla rosa dell’alba
l’ultima stella
ai fianchi dell’opulento sole,
ove anime sopite si svegliano.

Indugia a seguire
le sue compagne
scappate al sollevato velo
per riapparire più splendenti
nelle notti dolci di primavera.

Rimasta or sola a danzare
tra il crepuscolo del cielo
come sipario che chiude
l’arco scenico,
lentamente essa si spegne.