Con i piedi nella pozzanghera

Tra le pieghe di un cielo ombroso
affondiamo con i piedi in una pozzanghera.
Consapevoli della vita che scorre via
tra un pianto ed un sorriso.
Ma non c’importa del tempo
che ha portato via i nostri anni
Noi siamo qui, persi
a respirare la vita
che nasce tra i boccioli di fiore
mentre un tappeto di nuvole scure
lascia spazio al sole.

Spedire i sentimenti

Quanto son preziosi
i momenti
del tempo
in cui viviamo;
per esprimere
in modo compiuto
i sentimenti sinceri
a chi amiamo;
che l’Anno Nuovo
venga scandito
da tali momenti
per sentire e spedire
i sentimenti.

Bianco (I più votati di Prosa e Poesia)

La bocca tua apri e d’improvviso
nel buio tuo giunge un umido accento
di caldo me stesso, nel godimento
fiume disegna di bello il tuo viso.

La lingua si mostra, tuona e travolta
muta l’istante con fermo momento
muovendosi poi con forza più alta
preso da fuori quel mutuo consenso
concede piacer del cielo la volta

Leggi tutto →

Il germoglio

Sul terreno
di coltura
ove l’arte
germoglia,
il processo
creativo
tocca
le corde
dell’anima,
coinvolge
i sensi,
diviene
carezza sublime
per l’umanità.

Un viaggiatore senza tempo 5/5

Come dire? Non è facile da raccontare con le parole.
Ogni lettore estratto il libro dalla parete iniziava a leggere e piano piano, come in una metamorfosi al rallentatore, si trasformava: a volte prima le mani, altre il volto, poi gli abiti e quindi il modo di fare e di parlare.
Tutte le lingue del mondo risuonavano tra le pareti di libri.
Non era possibile interromperli; ciascun lettore-personaggio viveva di vita propria, ritornavano lettori solo dopo un po’ che il libro era stato terminato e chiuso definitivamente.
Alcuni infatti sembravano riluttanti a voler abbandonare quelle pagine e le sfogliavano e le carezzavano e le baciavano.
Ma il processo ricominciava quando il lettore entrava in un nuovo racconto sfilandolo dalle grandi pareti.
Da quanto tempo erano lì? Inutile chiederglielo: possedevano la chiave per l’immortalità.
E poi i miei personaggi preferiti mi vennero incontro, amici dimenticati ma subito riconosciuti.

Dovevo trovare l’uscita.
Dovevo tornare dal mio amico smemorato. Glielo dovevo. Grazie a lui il mio era stato un viaggio memorabile.

Leggi tutto →

Come una magia

Se sai quanto può essere piccolo un bacio
Ti accorgeresti di quanto il suo tocco è delicato.
Se sai quanto è fragile e sensibile il battito di ciglia
Ti accorgeresti quanta bellezza ha il tramonto
di rosso vermiglio.
Questa follia della vita è una spettacolare magia.

Post Navigation